Breve passeggiata nella pittura dal Settecento ai Macchiaioli

Crespina da via S.Lega a via Belvedere e ritorno (36 min. escluse soste)

LEGA__Slvestro_2496

Silvestro Lega, Chiesa di Crespina, 1886

Con l’inizio della primavera si apre la stagione da vivere all’aria aperta.

L’associazione culturale Fuori dal Museo, in occasione del capodanno pisano, Sabato 23 e Domenica 24 marzo, propone di assaporare “Una breve passeggiata nella pittura dal Settecento ai Macchiaioli”, nei luoghi che affascinarono i rivoluzionari pittori della “Macchia” e i loro allievi, ma ancor prima artisti e intellettuali di fine Settecento.

Partendo dalla chiesa di S. Michele, attraversando via Silvestro Lega e via San Rocco, per giungere alla località di Belvedere, si potrà approfittare dell’apertura straordinaria dell’Oratorio di S. Rocco e dell’Oratorio di Belvedere, dedicato al Nome di Maria e a S. Ranieri (dalle 16.00 alle 18.00), per una sosta capace di riservare gradevolissime sorprese con gli affreschi di rinomati artisti e con la scoperta dei simboli della dominazione pisana, che vi sono disseminati.

 

L’itinerario è breve, di facile percorribilità, ma ricco di suggestioni tra storia, arte e natura. La partenza è dalla chiesa di S. Michele, immortalata da uno dei più importanti pittori macchiaioli, Silvestro Lega, durante il suo soggiorno a Crespina, ospite della famiglia Tommasi, la cui dimora si trova di fronte alla Chiesa. Il palazzo, sito tra via Lega e via Tommasi reca la lapide commemorativa dell’illustre pittore, maestro di Angiolo e Ludovico Tommasi e del loro cugino, Adolfo, che ha dipinto numerosi squarci di Crespina e momenti della vita paesana. Il quadro di Lega è stato trafugato dalla Collezione Carlo Pepi, dove sono custodite opere di Macchiaioli, postmacchiaioli, maestri del Novecento, in particolare livornesi.

Articolata su due sedi nel territorio di Crespina, la Collezione Carlo Pepi è visitabile su prenotazione (min. 15 persone, ingresso gratuito; tel. 335/5283547).

 

L’Oratorio di San Rocco, recentemente restaurato, si trova sulla strada che conduce alla incantevole località di Belvedere, sede di un prestigioso complesso architettonico immerso nel verde, affrescato dal celebre artista pisano Giovan Battista Tempesti.

 

In questi luoghi, alcuni volontari dell’associazione saranno a disposizione per informazioni, suggerendo ulteriori percorsi nel verde ed illustrando il prossimo ciclo di visite guidate in programma per la primavera (e-mail: fuoridalmuseo@gmail.com; 349/4049695; https://fuoridalmuseo.wordpress.com).

Per tornare da Belvedere alla piazza della Chiesa di S. Michele di Crespina, allungando leggermente il tragitto, si può passare di fronte alla villa Rey, dove dimorò un altro artista, Augusto Rey, che ha proseguito gli studi sulla ‘Macchia’.

La passeggiata è libera, da percorrere in tutta tranquillità, senza assilli di orario e di traguardo.

L’itinerario prosegue, non solo idealmente, a Fauglia, dove Giovanni Fattori fu ospite degli allievi Francesco e di Luigi Gioli.

La visita al Museo Kienerk permetterà di osservare preziose opere del pittore Giorgio Kienerk (Firenze, 1869Fauglia, 1948), allievo di Cecioni e di Signorini fondatori del movimento dei Macchiaioli coagulatosi a Firenze intorno al Caffè Michelangelo.

L’ingresso al museo è libero in occasione del Capodanno pisano.

(http://www.comune.fauglia.pi.it/page.php?id=86)

 

Annunci